Pappagallo Amazzone

Il pappagallo amazzone è un pappagallo tra i più colorati ed è amato da tutti per il suo carattere ma soprattutto per la colorazione del suo piumaggio, appartiene al genere Amazona e alla famiglia Psittacidae. Di questo splendido pappagallo ne esistono circa una trentina di specie. È un uccello originario del continente americano dal Messico al Sud America e nei Caraibi. Si può dire che questa razza si adatta perfettamente a svariati tipi di habitat, alcune specie vivono nelle foreste pluviali mentre altre abitano nella savana, quindi possono vivere in un clima che va dal caldo umido al caldo intenso.

Caratteristiche del pappagallo amazzone

Questo pappagallo è lungo tra i 30 e i 38 centimetri compresa la coda (corta e squadrata) e pesa tra i 380 e i 500 grammi. Il piumaggio è di colore verde con macchie giallo-verde nelle parti inferiori del corpo, sulla nuca e sulla corona ha piume gialle bordate di nero. I suoi occhi sono di colore arancione e sono circondati da un anello bianco privo di piume, sempre di colore verde sono le guance e le piume delle orecchie. Il becco è tarchiato e molto forte di colore grigio mentre all’attaccatura ha macchie di colore rosa, le sue zampe sono di colore grigio. Questo pappagallo ha le piume delle ali dai colori spettacolari e molto caratteristici infatti le penne remiganti primarie (penne che gli permettono di volare) sono di un bellissimo colore blu-viola mentre le secondarie mostrano lo stesso colore solo sulle punte ed esteriormente. Sempre sulle ali, nella curvatura troviamo delle piume di colore rosso mentre sui bordi il colore è un verde-giallastro, in questo esemplare è difficile vedere questi particolari colori delle ali se l’animale è appollaiato ma possiamo vedere questi meravigliosi colori nel loro splendore quando le spiega per volare o per sgranchirle. Negli esemplari più giovani, pur avendo i colori come gli esemplari adulti, il colore del piumaggio è meno marcato e soprattutto il giallo e rosso non sono molto sviluppati, tranne che per la corona e sul viso, anche l’iride è diversa infatti il colore è grigio-bruno che muta a circa 2-3 anni di vita. Questa specie non presenta dimorfismo sessuale infatti sia i maschi che le femmine si assomigliano molto. Il pappagallo amazzone è un animale longevo soprattutto se curato bene, può vivere fino a 60 anni ma alcuni sono arrivati anche a 80 anni di età. Il costo di questo animale può variare dai 50 euro ai 1000 euro, a seconda della specie.

Cosa mangia il pappagallo amazzone?

Partendo dal presupposto che l’alimentazione dell’animale è fondamentale per farlo stare al meglio e allungare la sua aspettativa di vita, l’alimentazione migliore per questo animale è quella che gli permette di assorbire vitamine, proteine e carboidrati (sempre in misura adeguata). Quindi possiamo inserire nella dieta estrusi sotto forma di crocchette che contengono tutti gli ingredienti di cui ha bisogno. Si alimenta anche di frutta, verdura ma anche di cereali, pane, pasta integrale, piccole quantità di formaggio fresco e uova cotte. Ricordati che le verdure vanno sempre bollite onde evitare attacchi di batteri e parassiti.

Il pappagallo amazzone come animale domestico

Questo pappagallo è molto intelligente e ha un spiccato senso di affetto verso il proprio padrone, è anche molto abile a imitare la voce umana. Devi però sapere che non è semplice allevare in gabbia questo genere di pappagallo, infatti richiede molte attenzioni e molto del tuo tempo. In molti casi il pappagallo amazzone tende ad affezionarsi ad un solo membro della famiglia diventando molto geloso, quindi è possibile che aggredisca gli altri membri della famiglia per difendere il proprio padrone. È un animale che può essere abbastanza rumoroso quindi non è consigliato a persone che non hanno dimestichezza con questo genere di animale o con le tecniche di allevamento, ma tutto si può imparare. Se hai intenzione di acquistare un pappagallo amazzone devi armarti di pazienza e devi imparare al meglio le tecniche di allevamento e addestramento, perchè con la persona giusta questo animale potrà essere un ottimo compagno. Questo uccello è molto curioso e deve interagire con il suo padrone, quindi una volta che lo avrai addestrato adeguatamente e che il feeling tra te e lui sarà perfetto, potrai farlo uscire dalla gabbia e potrai anche abituarlo a seguirti nelle tue attività casalinghe, a patto che non lo mettano in pericolo.

Carattere e abilità del pappagallo amazzone

Generalmente questo uccello è affettuoso con un carattere giocherellone e amichevole, ama interagire con altri uccelli e con l’essere umano. La maggior parte dei pappagalli ama “distruggere” le cose, non fa eccezione il pappagallo amazzone che per soddisfare il proprio bisogno farà in modo di personalizzare l’ambiente in cui vive, quindi nella propria gabbia dovrà sempre avere giocattoli e ramoscelli masticabili. Il suo richiamo è molto rumoroso, quindi non è consigliabile a persone che detestano il rumore, infatti quando sarà l’ora di andare a dormire (dopo il tramonto) questo pappagallo farà di tutto per avvertirti che deve dormire e per circa 10 minuti emetterà dei versi molto rumorosi; il pappagallo amazzone deve dormire almeno 10 ore. In natura questi pappagalli si chiamano a vicenda sia al sorgere del sole che al tramonto, appena svegli e all’ora di andare a dormire. Il pappagallo amazzone è molto giocoso ed ha una spiccata capacità di parlare, ma questa capacità di riprodurre la voce umana dipende da pappagallo a pappagallo, infatti è possibile che alcuni non imparino mai a parlare. È un animale molto attivo e ama gli ambienti dove può volare e muoversi liberamente, ma se allevati e addestrati al meglio non avranno nessun problema ad adattarsi alla gabbia e vivere in casa. Si abituerà fin da subito al nuovo ambiente e al padrone e potrai iniziare così l’addestramento appena l’avrai portato a casa, ricordati però che anche se si abitua facilmente avrà bisogno di qualche giorno per ambientarsi al meglio alla casa e soprattutto alla tua voce, quindi non forzarlo ad interagire con te. Un esemplare molto giovane non sarà difficile da allevare, perché nato e cresciuto in cattività dall’allevatore è abituato al contatto con l’essere umano, quindi potrai interagire con lui fin da subito e potrai anche insegnargli fin dall’inizio a parlare.

Come addestrare il pappagallo amazzone?

Per addestrare questo genere di pappagallo devi armarti di: calma, molta pazienza e tempo libero; per addestrarlo nel migliore dei modi e in breve tempo il consiglio che ti diamo è quello di acquistare il pappagallo quando è ancora piccolo, essendo giovane ha maggiori capacità di apprendimento rispetto ad un esemplare adulto, che ormai avrà le sue abitudini. Il primo passo per poter instaurare con lui un rapporto è quello di parlargli con calma, a voce bassa e trascorrere del tempo con lui, questo per dargli modo di abituarsi alla tua presenza e fargli superare la diffidenza iniziale. Il secondo passo da fare una volta che il pappagallo non è più spaventato dalla tua presenza, è quello di iniziare a dargli dei bocconcini del cibo di cui va ghiotto, come carote, lattuga o pannocchie. Inizialmente passagli questi bocconcini dall’esterno della gabbia e quando vedrai che inizierà ad avvicinarsi e beccarli allora potrai iniziare a provare a darglieli dalla tua mano, pian pianino si avvicinerà e inizierà a mangiare anche prendendo il cibo direttamente dalla tua mano, questo gli permetterà di instaurare un rapporto di fiducia con te. Una volta conquistata la sua fiducia prova a farlo salire sul tuo dito, posiziona il dito all’altezza del suo torace, all’inizio non salterà subito ma vedrai che lo farà. Il passo successivo sarà insegnargli ad entrare ed uscire dalla gabbia, ricorda che il pappagallo meno tempo passa in gabbia più è felice. Se la gabbia è posizionata sempre nello stesso luogo il pappagallo conoscerà benissimo l’ambiente, quindi quando uscirà non si sentirà spiazzato, ricordati sempre di chiudere tutte le finestre in modo che non possa scappare. Prima di farlo uscire rimuovi dalla stanza oggetti appuntiti e altri oggetti con i quali il volatile potrebbe ferirsi. Il pappagallo fuori dalla gabbia inizialmente non saprà dove andare e sarà un pochino agitato, tu lascialo volare tranquillo, non cercare di prenderlo o urlargli contro per farlo rientrare, vedrai che in poco tempo si abituerà a volare tranquillamente per casa. Una volta che vorrai farlo tornare in gabbia il metodo più efficace è quello di attirare la sua attenzione con un bocconcino di cibo che ama, puoi anche posizionarlo direttamente all’interno della gabbia e una volta che sarà entrato richiudi bene lo sportellino.

Come far parlare il pappagallo amazzone?

Insegnare al pappagallo a parlare è difficile ma non impossibile e potrebbero passare alcune settimane o addirittura dei mesi prima che inizi, ma non ti scoraggiare. Ci sono alcune semplici regole da seguire per ottenere un buon risultato ed insegnare al tuo pappagallo a parlare:

  • Iniziare ad allenare il pappagallo fin da quando è piccolo ripetendo le parole più volte.
  • Per insegnargli a parlare è consigliabile che sia inizialmente una sola persona a parlargli e ad interagire con lui.
  • L’addestramento deve essere quotidiano e può essere fatto in una sola sessione di 15 minuti oppure 5 minuti tre volte al giorno, ricorda che è fondamentale instaurare con il pappagallo un ottimo feeling.
  • La gabbia deve essere posizionata in un luogo della casa frequentata dai vari membri della famiglia, dove si svolge la maggior parte delle attività quotidiane della famiglia.
  • Nel momento in cui lo porti a casa per la prima volta lascialo tranquillo per qualche giorno, questo gli permetterà di abituarsi alla tua presenza e alla presenza di altri membri della famiglia.
  • Quando inizierai ad insegnargli le parole ricordati di utilizzare vocaboli corti e molto semplici come ad esempio “ciao” o il suo nome, queste parole vanno ripetute spesso fino a quando non le imparerà. Una volta imparate queste semplici parole potrai iniziare ad aggiungerne altre.
  • Quando dirà la sua prima parola premialo con un suo bocconcino preferito. Questo lo gratificherà e lo stimolerà ad impararne altre. Questo gesto dovrà essere ripetuto ogni volta che imparerà una nuova parola, ricordati che questo pappagallo può imparare svariate parole.
  • Quando lo addestri ricordati di stare sempre davanti a lui in modo da attirare la sua attenzione e di creare un buon legame con lui.

Come deve essere la gabbia del pappagallo amazzone?

Il pappagallo è un animale molto intelligente ed attivo e meno tempo passa in gabbia meglio sta, infatti ama stare libero ed interagire con il proprio padrone. Diciamo che la gabbia servirà solo per poterlo tenere mentre tu non sei in casa e per dormire. La gabbia dovrà essere molto grande in modo che il pappagallo possa starci tranquillamente e possa spostarsi senza prendere contro le sbarre o altri oggetti sistemati all’interno. Le misure minime dovranno essere 90x60x120 (larghezza/profondità/altezza) con le sbarre separate tra loro da 2 a un massimo di 2,5 millimetri, oppure potrà anche essere 100x60x150, ricordati comunque che più è grande la gabbia e meglio è. All’interno della gabbia o uccelliera dovranno anche essere inseriti dei giochi appositi per pappagalli in modo che possa giocare quando sarà rinchiuso, possono essere funi, giochi in plastica, scale in legno (i giochi devono essere atossici, con parti non removibili e non devono contenere zinco o piombo). I trespoli dovranno essere di legno naturale e di varie dimensioni di diametro in modo da permettere all’uccello di fare esercizi con le zampe, ricorda che la misura adatta dei trespoli è quella che consente alla zampa di circondarli senza però che le dita opposte si tocchino. Le vaschette per il cibo e il bevitore devono essere posti all’esterno e lavati quotidianamente in modo che non si creino batteri e parassiti. Sul fondo della gabbia solitamente si trova il vassoio che permette di tenere sempre pulita la gabbia, quindi sarebbe opportuno mettere nel vassoio un foglio di giornale o della sabbia apposita che oltre a facilitare il compito di pulizia potrà permetterti di controllare l’aspetto delle feci (essenziale per verificarne lo stato di salute). L’apertura della gabbia deve essere posta nella parte superiore ed avere un trespolo che blocca le porte in modo che anche se fuori dalla gabbia il pappagallo possa stare appollaiato tranquillamente ed interagire con te e con le altre persone. Come abbiamo detto questo pappagallo deve dormire almeno 10 ore quindi la gabbia deve essere completamente al buio nelle ore notturne, accertati che la stanza dove avrai posto la gabbia una volta tirate giù le tapparelle o chiuse le persiane, sia al buio completo. La gabbia va tenuta in un posto dove non si creino correnti d’aria e che non sia esposta direttamente ai raggi del sole. Per pulire la gabbia interamente basta solo del sapone, acqua calda e una spugna, così potrai essere sicuro di rimuovere tutti i residui di sporco, una volta lavata applica del disinfettante e successivamente risciacqua abbondantemente in modo che non rimangano residui di sapone o di disinfettante. La sabbia o il foglio di giornale posto sul vassoio della gabbia va sostituito tutti i giorni, anche i contenitori del cibo e il bevitore vanno lavati tutti i giorni e disinfettati una volta alla settimana. La gabbia va lavata interamente almeno una volta al mese, svuotandola di tutto e lavando anche i giochi e i trespoli. Se osserverai queste piccole regole e manterrai la gabbia pulita il tuo pappagallo potrà vivere sano senza cadere vittima di parassiti.

Come riconoscere il sesso? Maschio o femmina?

Nella maggior parte delle specie di questo pappagallo, come abbiamo detto, è difficile riconoscere l’esemplare maschio dalla femmina, per questo bisogna ricorrere o al test del DNA (dal sangue o da alcune piume) o all’esame endoscopico (anestetizzando l’animale per poterne vedere gli organi interni). Solo in due specie si possono riscontrare alcune differenze tra maschio e femmina e sono l’Amazona Xantholora e Amazona Albifrons, infatti la femmina non presenta le caratteristiche piume rosse al margine delle ali come nel maschio.

Riproduzione del pappagallo amazzone

Questa specie di pappagallo a differenza di altre non si accoppia ovunque, solitamente lo fanno solo in tronchi d’alberi cavi. Una volta avvenuto l’accoppiamento e costruito il nido la femmina deporrà dalle 3 alle 4 uova e l’incubazione durerà per circa 4 settimane. I piccoli che nasceranno saranno senza piume che inizieranno a spuntare al secondo mese di età, la madre li terrà con sé e li accudirà fino a quando non capirà che possono essere autosufficienti. Se invece la riproduzione avviene in gabbia dovrai ricreare un ambiente simile ad una cavità di albero fornendogli anche un nido a cassetta che deve misurare 30x30x50 centimetri di altezza. Nonostante questo non è detto che la coppia di pappagalli si accoppi anche se tenuti nella stessa gabbia e siano cresciuti insieme, soprattutto se non hanno raggiunto i 5 anni di età, infatti è questa l’età della maturità sessuale per questa specie. Non forzare la cosa ma lascia che siano tranquilli ed in intimità, vedrai che sicuramente succederà qualcosa.

Tipi di pappagallo Amazzone

Nell'elenco qui sotto troverai tutte le specie di amazzone più belle del mondo con nomi e foto, scopri la tua preferita!

Amazzone dell’Amazzonia

Il nome scientifico è Amazona Amazonica, è un pappagallo originario del Sud America. È lungo dai 31 ai 33 centimetri e il suo peso varia dai 300 ai 470 grammi. Il piumaggio è prevalentemente di colore verde con le parti inferiori di un verde più brillante mentre le piume dietro al collo e nella parte superiore del dorso sono di colore grigio scuro sulle punte. Sulla gola e sulla corona ha alcune piume di colore blu mentre la coda, nelle punte, è di colore giallo con striature arancioni sul lato inferiore. Il suo becco è chiaro e diventa di colore grigio verso la parte terminale, ha occhi con l’iride di colore arancio-rosso circondati da un anello grigio. Gli esemplari giovani rispetto agli adulti hanno il piumaggio al 90% verde con solo alcune piume di colore giallo-arancio e l’iride è di colore marrone scuro, che cambierà durante l’età adulta. È un ottimo animale da compagnia che si può allevare tranquillamente in casa. Rispetto ad altri pappagalli della sua stessa specie è più indipendente ed ha più temperamento. Ama stare al centro dell’attenzione, giocare e ama la compagnia del suo padrone. Alcuni esemplari possono essere imprevedibili e durante il periodo riproduttivo possono diventare aggressivi e addirittura beccare. La maggior parte di questa specie imita i suoni e imparano a parlare, è abbastanza facile da addestrare. Devi anche sapere, se decidi di acquistare uno di questi pappagalli, che amando stare con l’uomo hanno necessità di stare con te per buona parte del tempo. Mangia frutta come mele, pere, melograno e verdure come carote, piselli, sedano, lattuga e bietola ma puoi anche alimentarlo con un mix di semi non grassi. Ricordati che devi nutrirlo con cibo ricco di vitamina A. Questo pappagallo può vivere più di 60 anni ed il prezzo per comprarlo varia dai 700 agli 800 euro.

Amazzone di Cuba

Il suo nome scientifico è Amazona Leucocephala ed è originario di Cuba. È lungo dai 28 ai 33 centimetri (compresa la coda corta) e il suo peso varia tra i 250 e i 300 grammi. Il suo piumaggio varia dal verde brillante al verde oliva mentre le piume primarie sono di colore blu acceso. Le piume che cerchiano gli occhi sono di colore bianco come il colore della fronte; la gola, il mento e le guance sono rosso pallido che troviamo sparso anche nella zona del ventre insieme a piume di colore giallo, il suo becco è chiaro di colore beige. Gli esemplari giovani si differenziano dagli adulti solo ed esclusivamente per delle piume di colore nero che coprono le orecchie. Ha un carattere abbastanza affettuoso ed è facile addomesticarlo, ricordati però che deve sempre avere del legno da scorticare. Nonostante il suo carattere tende ad essere aggressivo con pappagalli di altre specie. È molto abile ad imitare suoni e ad imparare intere frasi, inoltre questa specie è anche in grado di riconoscere le persone. Come tutti i pappagalli allevati in cattività ha necessità di interagire con il proprio padrone, quindi prima di acquistarlo devi sapere che ha necessità di passare con te il maggior tempo possibile. Come tutti i pappagalli la sua dieta deve essere povera di grassi e a base di frutta (mele, pere, papaia, arancia, ecc) e verdura (lattuga, bietole, piselli, fagioli versi, mais, ecc.) Questa specie raggiunge i 60 anni di età ed il prezzo varia dagli 800 ai 1000 euro.

Amazzone di Santo Domingo

Il suo nome scientifico è Amazona Ventralis ed è originario della Repubblica Dominicana, di Haiti e Porto Rico. È lungo 29-30 centimetri e il suo peso varia dai 200 ai 350 grammi, il suo piumaggio è principalmente di colore verde con macchie nere sulla testa, sulla zona del petto e nelle parti inferiori del corpo. la sua fronte è di colore bianco, la corona e le guance (parte superiori) sono di un colore blu opaco bordate di nero, mentre sulla parte inferiore del muso, sulla gola, nella zona ventrale e la base della coda presentano chiazze di colore rosso. nelle ali le piume primarie e quelli copritrici sono di colore blu mentre la coda sulle punte è di colore giallo. Questo pappagallo è molto socievole e prende facilmente confidenza con l’essere umano e quando lo fa solitamente è con il padrone escludendo gli altri membri della famiglia. È estremamente intelligente e apprende facilmente quindi è in grado di riprodurre suoni e parole. Anche questo pappagallo ha estrema necessità di passare molto tempo con il proprio padrone, devi sapere infatti che dovrai passare la maggior parte del tempo con lui, soprattutto inizialmente. La sua dieta è composta da mix di semi, da frutta (mele, pere, banane, arance, ecc.) e da verdure (carote, lattuga, pinoli, mais, ecc.). Può vivere fino a 80 anni di età e il costo varia dai 700 ai 1000 euro.

Amazzone Farinosa

Il suo nome scientifico è Amazona Farinosa ed è originario del Centro-Sud America. La sua lunghezza, compresa la coda, varia dai 38 ai 41 centimetri e il suo peso va dai 530 ai 700 grammi, il piumaggio è di colore grigio-verde e il suo nome deriva dal fatto che la colorazione delle piume sembra impolverata, come se fosse ricoperto da un leggero strato di farina. La sua corona è di colore blu che in alcuni esemplari può anche essere viola o violetto con alcune macchie gialle. Solitamente il piumaggio del corpo è di colore verde con le punte della coda di colore verde chiaro o di colore lime. Alcuni esemplari di questa specie possono avere il mantello di piume superiore macchiato di colore blu, viola, rosso con sfumature gialle. Il becco è di colore giallo e l’iride è di colore arancio-rosso, gli occhi sono circondati da anelli bianchi privi di piume. Anche l’amazzone farinosa ha un carattere molto socievole ed è facile da allevare, soprattutto è molto semplice insegnargli a parlare. Ha necessità di una gabbia molto grande che gli permetta di potersi muovere, arrampicarsi e giocare comodamente. È necessario mettere nella gabbia anche una ciotola con acqua in quanto la farinosa ama lavarsi molto spesso ed essere ben pulita. Come tutti i pappagalli la sua dieta è composta da mix di semi, frutta e verdura (specialmente verde). Questa specie è molto longeva infatti può vivere dai 50 ai 100 anni e il suo prezzo varia tra i 700 e i 1000 euro.

Amazzone Fronte Blu

Il suo nome scientifico è Amazona Aestiva ed è originario del Sud America. La sua lunghezza raggiunge i 36 centimetri (compresa la coda) e il suo peso varia dai 370 ai 450 grammi, il piumaggio è di colore verde e il margine delle penne è di colore nero mentre sulla mandibola superiore sono di colore blu che sfumano verso il bianco e il giallo, le piume di colore giallo possono estendersi anche intorno alla testa. Il blu delle piume solitamente è di un colore turchese molto vivido e a volte l’intera faccia è coperta di piume di questo colore. Le ali, sulle punte, hanno piume di colore rosso e viola-blu che non si possono vedere se il pappagallo è appollaiato ma solo se le estende. Ha un carattere socievole e divertente ed è un ottimo animale al quale insegnare esercizi e trucchi. Ama stare con il padrone e il resto della famiglia e ama cantare in modo da poter stare al centro dell’attenzione. Questa specie, come la maggior parte dei pappagalli ha necessità di seguire una dieta da estrusi e con semi di alta qualità, frutta e verdura. Vive solitamente fino ai 40 anni di età ma se curato molto bene può arrivare fino ai 70 anni, il costo per acquistarlo varia dai 600 ai 900 euro.