Agapornis Canus

Questa specie di agapornis è anche conosciuta con il nome di inseparabile di cana, inseparabile testa grigia, testa bianca, malgascio o inseparabile del Madagascar. Fa parte della famiglia degli Psittaculidae ed è appunto originario del Madagascar, successivamente è stato introdotto da parte dell’uomo anche in alcune isole vicine come Seychelles, Mauritius, Comore, Rodriguez e Reunion. Si calcola che sotto il punto di vista dell’evoluzione questa specie di inseparabile sia la più primitiva. Di questa specie esiste una sottospecie che è l’Agapornis canus ablectanea che a differenza dell inseparabile del Madagascar ha il piumaggio verde scuro e non ha sfumature gialle sul capo, tipico colore del maschio ed il suo piumaggio ha sfumature di colore blu. Predilige le aree mediamente alberate, le praterie ricche di cespugli e le aree coltivate, vive anche ad altitudini che raggiungono i 1500 metri sul livello del mare.

Habitat e caratteristiche dell’agapornis canus

Questo agapornis trova il proprio habitat naturale nelle aree con campi di palme, nella giungla, nelle aree coltivate a riso e nelle foreste, ama vivere al margine dei boschi per potersi spostare nelle aree coltivate a riso per nutrirsi. Questo pappagallino è uno dei più piccoli, arriva a misurare al massimo 13 centimetri ed il suo peso varia dai 30 ai 36 grammi. Il colore ancestrale del piumaggio è verde, nella parte posteriore del corpo di un colore verde brillante, mentre verso il ventre sfuma in colore giallo. La testa, il petto e la parte posteriore del collo sono di colore bianco-grigio. Le ali sono bianche nella parte alta interiore e di colore verde nella restante zona dell’ala. le zampe e il becco, a differenza di altre specie, sono di colore grigio e a differenza degli altri inseparabili non ha l’anello bianco intorno all’occhio. Questa specie è soggetta a dimorfismo sessuale ed infatti ci sono differenze nel piumaggio:

  • Il maschio: ha la testa, la nuca, il collo e la parte alta del petto di colore grigio chiaro, grigio perla, mentre sulle guance e il mento il piumaggio sfuma nel colore giallo. Il dorso e le ali sono di colore verde scuro mentre nella parte inferiore del petto, nei fianchi e nella coda è di colore verde brillante. Nelle ali le penne timoniere sono verdi con apice nero, quelle laterali sono di colore verde con una zona di colore gialla nella parte centrale e nera a ¾ della lunghezza, mentre il sotto ala è di colore nero. Ha l’iride bruna con pupilla nera e l’occhio è contornato da un piccolo e leggero anello formato da piccolissime piume di colore bianco. Il becco è di colore beige nella parte superiore mentre in quella inferiore è di colore grigio. Le zampe del maschio sono di colore bruno-verde con unghie nere;
  • La femmina: a differenza del maschio, nonostante conservi gran parte dei colori del piumaggio, ha la testa, la nuca e il collo con piume di colore verde brillante e anche il sottoala, mentre le zampe sono perlopiù tendenti al grigio.

Quando è ancora piccolo questo uccello ha il collo di colore verde o bianco che cambia man mano che l’inseparabile cresce.

Cosa mangia l’inseparabile del Madagascar?

In natura questo inseparabile si nutre principalmente di semi verdi, di miglio, di scagliola e panico, ma anche di grani di riso. Il piccolo becco lo facilita a sgusciare semi di piccolissime dimensioni e si ciba prevalentemente a terra. In cattività è giusto nutrire questo inseparabile con una miscela di semi ma la dieta deve essere integrata anche da frutta e verdura. Per quanto riguarda la frutta è possibile nutrirlo con mela (no semi), pera, fichi, agrumi a fette, ciliegie, frutti di bosco, kiwi, more e lamponi; per la verdura potrai dargli la lattuga, il pomodoro a fette, il cavolo, il finocchio, carota, cicoria, indivia e spinaci. Bisogna però stare attenti a somministrare la mela e la pera (max 1-2 volte alla settimana) in quanto questa frutta è lassativa e potrebbe far male all’inseparabile.

Riproduzione dell’inseparabile del Madagascar

Il corteggiamento inizia quando il maschio innalza le piume del capo ed emette un verso incessante rivolto alla femmina, spesso durante il corteggiamento il maschio diventa aggressivo aggredendo la femmina colpendola ripetutamente per tutto il corpo. Una volta avvenuto l’accoppiamento e costruito il nido la femmina deporrà dalle 4 alle 7 uova che verranno covate per circa 20 giorni (la cova inizia dopo la deposizione del terzo uovo), durante il giorno il maschio starà lontano dal nido, dove rientrerà solo alla sera. Una volta nati, i pulcini sono ciechi e sul dorso presentano un piumino di colore bianco che scompare nei primi 10 giorni di vita. Per i primi 14-20 giorni i pulcini presentano sul corpo una serie di puntini neri che lasceranno spazio al piumaggio di colore verde, dopo questo periodo sarà possibile riconoscere i maschi dalle femmine, infatti nei maschi si potrà già notare il piumaggio grigio della testa. I piccoli lasceranno il nido intorno ai 40-45 giorni di vita ma resteranno accanto ai genitori ancora per 15-20 giorni, in modo che possano essere del tutto autonomi. In cattività invece questa specie non è molto prolifica in quanto ha un carattere timido e non molto socievole, in più questa specie trova difficoltà ad acclimatarsi nel nostro continente, soprattutto nel periodo invernale, per questo se deciderai di allevare questo inseparabile dovrai accertarti che non soffra il freddo durante questo periodo. Se deciderai di allevare una coppia ti consigliamo di fornire loro un nido a cassetta e sul fondo predisporre uno strato di torba pressata, il nido dovrà essere di 18x13x14 (lunghezza, profondità, altezza).

Si può allevare l’inseparabile del Madagascar?

Non è impossibile allevare questa specie, anche se non tutti i negozi o allevatori vendono l’inseparabile del Madagascar, perchè questa specie ha un carattere molto sensibile quindi soggetto a stress. Per quanto riguarda il rapporto con l’essere umano, l’approccio con questo inseparabile deve essere fatto in modo del tutto graduale e con molta calma, proprio per non spaventarlo e farlo innervosire. A causa di questo suo carattere particolare, se a contatto con altri uccelli di altre specie, non diventa cattivo e non attacca ma non interagisce con loro tenendosi in disparte. La gabbia in cui alloggerai l’inseparabile dovrà essere di 60x50x60 (lunghezza, profondità, altezza) con le sbarre separate tra loro di un centimetro, in modo che non riesca ad infilare la testa tra le sbarre, il pavimento della gabbia dovrà essere rimovibile in modo che lo si possa pulire più facilmente, anche per questo ti consigliamo di mettere sul pavimento della sabbia, in modo da poter pulire sempre il fondo per fare in modo che non venga infestata da parassiti, dannosi per l’uccello. Nella gabbia dovrai anche inserire le mangiatoie e il bevitore e un paio di trespoli. Ricorda che a questo tipo di uccello non piacciono le gabbie a forma di casa, ovali o altre forme quindi ti consigliamo una gabbia a forma rettangolare, in modo che abbia più spazio per potersi muovere. Essendo un animale un po restio ad entrare in confidenza con il padrone diventa difficile farlo uscire dalla gabbia, potrai farlo solo quando l’inseparabile si fiderà del tutto di te, potrai capire che il legame è instaurato quando inizierà a salire sul tuo dito, solo allora potrai farlo uscire dalla gabbia. Quando lo farai uscire per la prima volta ti raccomandiamo di chiudere tutte le porte e le finestre, in modo che non scappi e per farlo tornare in gabbia dovrai mettere all’interno di essa il suo cibo preferito, solo così vorrà rientrare quando avrà fame.

Si può comprare l’inseparabile del Madagascar?

Questo genere di specie, come altri inseparabili, si possono acquistare presso negozi specializzati o allevatori, ma sono protetti da una specifica legislazione internazionale (CITES), in quanto si tratta di specie a rischio di estinzione nel proprio paese di origine, quindi ci sono specifici vincoli e procedure burocratiche. Questa specie può essere allevata e quindi commercializzata soltanto se nata in cattività, quindi con maggiori garanzia sanitarie, ti consigliamo, se deciderai di acquistare questo inseparabile, di consultare il venditore per avere ulteriori chiarimenti, anche perché la violazione delle norme del CITES può comportare delle sanzioni molto severe.